“Domenica e Libri al Centro Commerciale Panorama di Pistoia”

Oggi, domenica 5 febbraio alle ore 17, presso il Centro commerciale Panorama, per il ciclo Nati a Pistoia – quattro incontri su personaggi pistoiesi, Federico Pagliai presenta il suo libro: “Storie di Stinchi e… contorni: racconti eco-gastro-ironici”.

Il libro che viene presentato, “Storie di Stinchi e contorni”,  è il sesto pubblicato da Federico Pagliai, dopo “I miei crinali”, “Rughe da salita”, “Come un filo che pende”, “Il bosco di nessuno di voi”, “DottorAfrica”: il filo rosso che lega queste sue opere, con l’eccezione di DottorAfrica, che racconta la partecipazione dell’autore ad una missione umanitaria in Etiopia, è costituito dalla montagna, dalla vita semplice e schietta che vi conduce la gente dei crinali, dalle molte metafore collegate al mondo naturale.

Il libro “Storie di Stinchi e contorni: racconti eco-gastro-ironici” è una raccolta di venti racconti che prendono spunto dalla vita di Stinchi, un personaggio nato nel  1947 a San Marcello Pistoiese che già da ragazzino decide di voler fare il cuoco, nonostante per quei tempi fosse una scelta insolita e coraggiosa. Al tempo la maggioranza dei suoi coetanei ambiva a un diploma o, meglio, a un impiego in quelle realtà industriali come la SMI di Campotizzoro e la Cartiera Cini a La Lima, che sembravano garantire un futuro sicurio per la gente della montagna.

Il giovane dubita che quello offerto dagli opifici possa essere il domani e, a conti fatti, aveva ragione. Federico Pagliai stesso, durante l´ infanzia, ha assistito alla lenta agonia della Cartiera Cini, vero fulcro industriale della zona, poi definitivamente chiusa nel 1977.
I racconti sono scritti con molta ironia, con la goliardia e lo spirito di resistenza che contraddistingue i personaggi della montagna ed ogni aneddoto è accompagnato da una ricetta tipica della zona a firma di Stinchi, storico fiduciario Slow Food.

Agli intervenuti, il centro commerciale farà dono di una copia del libro.

Federico Pagliai è nato nel 1966 a La Lima, “il paese più all´ombra d’ Italia” e vive sulla Montagna Pistoiese, avendo scelto una professione che gli consente di non abbandonare la montagna natia per scendere in città, quella di infermiere e poi volontario del Soccorso Alpino Speleologico.

storie-di-stinchi-e-contorni

Fonte notizia sito Comune di Pistoia

Questa voce è stata pubblicata in Pistoia, Prima pagina e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi