“Sconfinamenti: A Montecatini Terme arriva il terzo appuntamento della micro rassegna teatrale”

Eccoci nuovamente tornati, con il terzo appuntamento di Sconfinamenti, la micro rassegna teatrale che si è presa l’impegno, non soltanto di raccogliere le memorie della Valdinievole, (per i curiosi segnaliamo il blog https://ilsomaro.wordpress.com, che ne contiene una quarantina), ma di invitare artisti di fama nazionale ed internazionale con i loro progetti, tutti diversificati, tutti immersi negli strati più disparati di questa contemporaneità.

Dopo gli incanti fiabeschi per adulti e per bambini, che hanno visto accorrere un pubblico numeroso, e dopo averci fatto rivedere gli Stabilimenti delle Terme Tamerici nella loro suggestiva veste storica, hanno deciso di spostarsi nell’elegante salone delle Terme Excelsior.

Avvicinandosi sempre più al finale di questo breve, ma intenso percorso, sabato 12 novembre alle ore 21:00 la premiata compagnia Quotidiana Com, ci trasporterà attraverso “Io Muoio e Tu Mangi” all’interno della pietās e del coraggio, svelatisi, per la loro delicata disumanità.

Questa è la vera storia di un padre, alla soglia della vita che, accompagnato passo dopo passo da “Lei” la figlia – attrice e autrice – si ritrova a combattere per la propria dignità, all’interno dell’Azienda, l’Ospedale, dove troppo spesso i medici ed i parenti si accaniscono terapeuticamente contro i corpi esanimi dei pazienti, cercando di sfatare e allontanare da sé e da noi, l’arrivo di un fallimento inevitabile, la morte.

Una scena scarna, due sedie, un lenzuolo appeso, una Madonna con Bambino, voci atonali quasi sussurrate e la raffinatezza surreale di Paola Vannoni e Roberto Scappin.

Questo spettacolo, come si evince dalla recensione di Antonio Stornaiuolo di Quarta Parete – testata web che si occupa di teatro –, è: << [..] un’opera teatrale, una cosa terribilmente seria, per nulla seriosa, incredibilmente rigorosa ma non per questo irrigidita, terrificante nel suo scorticamento della buona morale [..], eppure, sempre in grado di infilzare lo spettatore con un’ironia cinica e fulminante, abulica e sferzante e di rigarne dunque il viso con un riso beffardo, amaro [..] >>.

Ed è proprio così che in questa civiltà delle immagini, Lui, il genero – co-autore e attore – sceglie di immortalare l’alienante tragedia, attraverso una telecamera: interrogando, ascoltando ed interagendo giornalmente, con la compagna e con questo dramma che tutti, prima o poi, ci troveremo ad affrontare.

Forse, quella che vogliono mostrarci, è una denuncia, una riflessione profonda su quello che siamo e sulle nostre paure, in questa società troppo spesso distratta dalla polvere, dalle sciocchezze e dall’agognata immortalità.

Ed è un loro desiderio, il mostrarci questo shock con il sorriso, perché il diritto alla morte, assuma finalmente, lo stesso identico valore di quello alla vita.

L’iniziativa è ideata da Ultimo Teatro Produzioni Incivili e Ass. Cult. Le Strenne di Baal, con il sostegno economico dall’Assessorato alle Politiche Sociali e dall’Amministrazione Comunale nell’ambito del progetto “My Time For Montecatini”.

Lo spettacolo ospite è finanziato da Armunia/Festival Inequilibrio, con il sostegno di Provincia di Rimini e Regione Emilia Romagna, in collaborazione con Istituzione Musica Teatro Eventi Comune di Rimini.

Per info: cell. 334 131 0282 mail priviteraluca@virgilio.it oppure consultate https://sconfinamentiblog.wordpress.com.

sconfinamenti

Fonte notizia diretta produzione

Questa voce è stata pubblicata in Montecatini Terme, Prima pagina e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi