“Pistoia: Un incontro alla Biblioteca Forteguerriana per parlare di..Pistoia e la Scienza”

Oggi, Martedì 18 ottobre alle ore 16.00, alla biblioteca Forteguerriana (sala Gatteschi) per il ciclo La Forteguerriana racconta Pistoia. Esperti & junior..Francesca Antonelli parlerà di “Pistoia e la scienza. Storia poco nota dell’Accademia pistoiese di Scienze, lettere ed arti (1743-1848)”.

La storia dell’Accademia pistoiese di Scienze, Lettere ed Arti, attiva tra il 1743 e il 1891, è già per molti aspetti nota alla storia locale, che ne ha ricostruito le vicende e i momenti salienti…Fu importante il ruolo assunto dall’istituzione durante il Risorgimento…Meno conosciuta risulta invece essere l’attività scientifica condotta dai suoi membri: nonostante il nome dell’Accademia rimandi direttamente alle scienze, l’impegno dei pistoiesi in questo ambito del sapere resta ancora per molti aspetti da scoprire.

Scopo dell’intervento sarà proprio quello di mettere in luce questo lato della storia, mostrando, attraverso la lettura di fonti in larga misura inedite, come anche a Pistoia vi fu una rete di uomini di scienza che influenzò fortemente la vita culturale, oltre che politica, della città.

Il periodo preso in considerazione va dalla fondazione dell’Accademia (1743) alle soglie della prima guerra d’indipendenza (1848), ma un particolare riguardo sarà riservato ai primi dell’800, quando l’attività scientifica dei suoi membri risulta singolarmente vivace; protagonisti di questa storia sono soprattutto il pistoiese Pietro Petrini e il fiorentino Gaetano Cioni, in quegli anni veri e propri leader dell’istituzione, impegnati nella sua promozione e nel suo continuo aggiornamento.

I due, legati tra l’altro da una profonda amicizia, furono inoltre responsabili del coinvolgimento dell’Accademia in un curioso “caso” scientifico di portata internazionale.

L’intervento si concluderà con una serie di spunti di riflessione, circa i modi specifici con cui gli scienziati offrirono il loro contributo alla causa del Risorgimento nazionale.

La visita alla Chiesa del Carmine, che seguirà all’incontro, non sarà una visita specialistica in storia dell’arte ma piuttosto un’occasione per raccontare un’ulteriore parte della storia dell’Accademia, ossia quella che la vede beneficiaria dell’operazione di esproprio dei beni ecclesiastici da parte di Napoleone…La chiesa e il convento annesso furono infatti sottratti ai Carmelitani nel 1808, per poi essere donati all’Accademia che nel 1811 vi stabilì la propria sede..anche se ben prestò ne concesse l’uso per funzioni religiose.

Francesca Antonelli, laureanda in Scienze filosofiche presso l’università di Bologna, ci racconterà dell’Accademia pistoiese di scienze lettere ed arti, tema della sua tesi di laurea triennale, e di un suo articolo di prossima pubblicazione sulla rivista Storia locale.

chiesa_del_carmine_in_una_foto_antica

Fonte notizia sito Comune di Pistoia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pistoia, Prima pagina e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...